SKIN Manut_BMW

noleggio HP BMW


Vai indietro   Quellidellelica Forum BMW moto il più grande forum italiano non ufficiale > Forum di discussione Quellidellelica > Da Walwal > La Piccola libreria del Mukkista

La Piccola libreria del Mukkista In questo forum ci proponiamo di parlare e raccogliere tutti i consigli sulle letture che possono allietare il centauro quando è in poltrona.


Share This Forum!  
  
Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 30-12-2007, 22:58   #1
condor
Kappista doc
 
L'avatar di condor
 
Registrato dal: 24 Dec 2002
ubicazione: Europa
Arrow Pirsig, Robert M. - "Lo Zen e l'arte della manutenzione della Motocicletta"

Titolo: "Lo Zen e l'arte della manutenzione della Motocicletta"
Titolo originale:
Autore: Robert M. pirsig
Sottotitolo:
Casa Ed: Adelphi
isbn:
Pag: 400
prezzo:
Prima Pubblicazione:


L'ho letto con molta fatica.
Alcuni tratti volano. Altri sono desolanti.
All'interno del libro ho incontrato però dei passaggi che mi hanno evocato visioni nettissime di una forma mentis che mi è familiare.
Si, sono uno scassacazzi.

Il concetto di forma soggiacente l'ho trovato affascinante e rincuorante.
Come la descrizione dell'officina meccanica di colui che ha una memoria fotografica e sa esattamente dov'è quello che cerca in quello che, agli occhi di un altro, può sembrare un caos che lascia sgomenti.
Io l'ho letto in inglese. E forse è un po meno palloso che in italiano.
Ma ne convengo, l'ho finito a fatica.

Avevo iniziato a leggere 'Lila, an inquiry into morals', ma mi ha messo una grande tristezza.

Non sono io l'autore iniziale del thread, Paolo mi ha chiesto se poteva utilizzare un mio intervento come apertura.
Ho acconsentito.
Mi piacerebbe spiegare perché:
Non mi interessa essere 'quello che ha postato' il titolo di uno dei più conosciuti libri degli ultimi trent'anni. Anche da chi non lo ha letto.
Mi interessa invece volgere lo sguardo alle diverse reazioni dei lettori e dei non lettori.
Io l'ho letto, come ho detto, a fatica.
Non perché lo trovassi palloso per se, ma perché se le primissime pagine mi avevano avvinto, e speravo di potermi discostare da tutta una serie di pensieri che mi incupivano all'epoca e che cercavo di evitare, le successive mi hanno fatto affacciare su tutta una serie di cose sulle quali non volevo affacciarmi.
Perché erano i miei dubbi e le mie paure.

I libri spesso si rileggono, oppure non si leggono più e si ricordano.
A volte si ricorda quello che ci fa bene. E tutto sommato non c'è niente di male.

Ognuno ha delle corde dentro di se, che possono essere suonate da questo o da un altro libro.
Dire 'a me è piaciuto' o 'a me non è piaciuto' ne è la prova.

Il fatto che si parli di questo libro in un forum di motociclisti o di possessori di motocicletta ha un'importanza diversa e gli conferisce significato.

Ringrazio Paolo per avermi dato la possibilità di porre il mio pensiero in evidenza.

__________________
hare K1100RS '97 274.760Km
"stay hungry, stay foolish"

Ultima modifica di condor; 05-02-2008 a 13:49
condor non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 03-02-2008, 14:53   #2
Gary B.
Doc
 
L'avatar di Gary B.
 
Registrato dal: 03 Aug 2004
ubicazione: in the neighbourhood
predefinito

Non so se e' possibile esprimere giudizi personali in questa sede ma posso garantirvi che a me, il libro di Pirsig ha fatto dimolto cahare.
Sopravvalutato, parecchio.
__________________
Dops'll get you through times of no money better than money'll get you through times of no dope.
Gary B. non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 03-02-2008, 15:20   #3
essemme
Mukkista doc
 
L'avatar di essemme
 
Registrato dal: 27 Oct 2002
ubicazione: da dove ti vedo
predefinito

carissimo gary b. permettimi di appoggiartelo!

il libro in questione è proprio palloso
__________________
c'è troppa democrazia.
tutti froci col culo degli altri.

R100RS-R1200GS ADV LC
essemme non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-02-2008, 12:30   #4
Braunvieh
Mukkista doc
 
L'avatar di Braunvieh
 
Registrato dal: 18 Jul 2006
ubicazione: Terun déla Svissera
predefinito

...ci ho provato a + riprese, mai riuscito a leggere + del primo/terzo
__________________
R9o/6 "Gagliarda" '75 - R 8o GS pd "Ul Melca" '91- K12ooRS "Jean Jacques III" '01 << pron. Braunfii
Braunvieh non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-02-2008, 13:00   #5
pornoromantico
Mukkista doc
 
L'avatar di pornoromantico
 
Registrato dal: 09 Mar 2006
ubicazione: trastevere, l'Omphalos
predefinito

non è certamente un libro semplice anceh perchè poco ha a che vedere con le motociclette. è un libro di filosofia che vola dai greci antichi ìfino ai nichilisti passan do per fedro di paltone avendo come filo conduttore un viaggio in omoto.
inoltre è la priam parte di una storia di due libri. il secondo è un viaggio in barca a vela che si chiama "lila" mi pare.
__________________
Possis nihil Urbe Roma visere maius
pornoromantico non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-02-2008, 13:52   #6
barbasma
Capricorno fomentatore talebano antiBMW Dop
 
L'avatar di barbasma
 
Registrato dal: 11 Jul 2002
ubicazione: Passo dello Stelvio
predefinito

non mi è piaciuto per NULLA.
__________________
Membro del gruppo Bildemberg, dell'NWO e affiliato Rotschild
barbasma non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-02-2008, 13:58   #7
Damiano
Mukkista doc
 
L'avatar di Damiano
 
Registrato dal: 12 Jul 2004
ubicazione: Faenza (RA)
predefinito

Chiariamo che è un libro che NON parla di moto, ma dove la moto è il pretesto per un trattato di filosofia.
__________________
Il tiracca è amico mio
Damiano non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-02-2008, 14:28   #8
Charly
tesoriere del C1 fun club
 
L'avatar di Charly
 
Registrato dal: 09 Aug 2005
ubicazione: Brescia
predefinito

Confermo quanto gia puntualizzato da altri.
Poca tecnica e molta filosofia.
Se ben ricordo il suo compagno di viaggio (Pedro) ha la moto che non si rompe ed in piu la maltratta ed è una BMW ..?.....sono passti diversi anni...
__________________
Una R comfort ed una vespa T5.
Charly non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-02-2008, 17:14   #9
pornoromantico
Mukkista doc
 
L'avatar di pornoromantico
 
Registrato dal: 09 Mar 2006
ubicazione: trastevere, l'Omphalos
predefinito

la moto di pedro è una bmw, mentre la sua è una triumph.
lui viaggia con il figlio, mentre l'amico viaggia con la moglie.
la moto è un punto di partenza ed un filo conduttore di questo viaggio attraverso l'america e la storia della filosofia.
il fedro di cui parla è un personaggio di uno dei dialoghi di platone; tr al'alatro, mi si permetta la disgressione, è uno dei più belli tra i dialoghi di platone sia perchè filosoficamente parlando rappresenta una pietra miliare nella storia del pensiero , in quanto viene descritta la sorte delle anime dopo la morte e si accenna alla celeberrima dottrina delle idee , sia perchè é uno di quei dialoghi " artisticamente " ben riusciti assolutamente piacevole da leggere.
__________________
Possis nihil Urbe Roma visere maius
pornoromantico non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-02-2008, 17:35   #10
vanth
Mukkista in erba
 
L'avatar di vanth
 
Registrato dal: 04 Jan 2006
ubicazione: L'Aquila
predefinito

molto bello.. ma non da leggere se si cerca un libro sulla moto! viaggiare anche inteso come viaggio della vita: questo è il tema del libro, nella mia modestissima opinione...
__________________
R 1200 GS Adventure
www.visionifuture.it
vanth non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-02-2008, 23:13   #11
vanth
Mukkista in erba
 
L'avatar di vanth
 
Registrato dal: 04 Jan 2006
ubicazione: L'Aquila
predefinito

lila è ancora + filosofico, ma molto profondo e bello... una rivisitazione americana di aristotele se volete... molto attuale.
__________________
R 1200 GS Adventure
www.visionifuture.it
vanth non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 00:13   #12
varamukk
Piromane doc
 
L'avatar di varamukk
 
Registrato dal: 01 Nov 2006
ubicazione: Etruria meridionale
predefinito

Io l'ho letto diverse volte, e ogni volta che lo rileggo ci trovo qualcosa di nuovo...

Mi è piaciuto tantissimo...
__________________
SI al tacco, NO alla zeppa!
varamukk non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 00:21   #13
webex
Mukkista doc
 
L'avatar di webex
 
Registrato dal: 25 Jan 2005
ubicazione: Umbria
predefinito

Un libro a me caro perchè regalatomi almeno 25 anni fa da un amico che ora non c'è più.

L'ho provato a leggere diverse volte e ogni volta mi sono arreso di fronte all'enorme noia

Mia madre, amante della filosofia, lo ha letto in tre giorni da quanto le è piaciuto
__________________
Le mie foto qui: http://marco-marco.magix.net/
1150ADV GS
sputer Panteon 150
KTM EXC 400 by Boogie73
webex non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 10:01   #14
stew
Pivello Mukkista
 
L'avatar di stew
 
Registrato dal: 08 Aug 2003
ubicazione: Roma
predefinito

Per la precisione l'amico con cui ha fatto il viaggio si chiama John e non Pedro.

E poi se siete curiosi andate qui potete trovare una foto dell'autore con il figlio sulla moto con cui hanno fatto il viaggio:
http://ww2.usca.edu/ResearchProjects...-1968-trip/aam

qui invece trovate una mappa del viaggio:
http://zamm.home.att.net/Contents.htm
stew non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 10:13   #15
webex
Mukkista doc
 
L'avatar di webex
 
Registrato dal: 25 Jan 2005
ubicazione: Umbria
predefinito

Che bella la foto n. 6 !!!!
__________________
Le mie foto qui: http://marco-marco.magix.net/
1150ADV GS
sputer Panteon 150
KTM EXC 400 by Boogie73
webex non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 10:31   #16
brewer
alias il rambo di Viganello
 
Registrato dal: 01 Sep 2005
ubicazione: vicino di casa del Berghemradder
predefinito

Molto bello sia lo zen che Lila.
Interessante il percorso mentale che fa l'autore che lo porta alla pazzia (fine del primo libro).

Libro non semplice, non e' un raccontino banale, ma ricco di spunti e considerazioni su cui riflettere.


Una notizia scoperta quando ho regalato a mio padre una delle ultime riedizioni, Chris il figlio 'e morto

Ultima modifica di brewer; 05-02-2008 a 10:37
brewer non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 12:44   #17
Muttley
Medaglia! medaglia!
 
L'avatar di Muttley
 
Registrato dal: 11 Jul 2002
ubicazione: Milano
predefinito

Il libro sinceramente mi è piaciuto... ho come il sospetto però che molti che ne parlano non l'abbiano mai letto...
__________________
Chi non muore si rivede
Muttley non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 13:02   #18
condor
Kappista doc
 
L'avatar di condor
 
Registrato dal: 24 Dec 2002
ubicazione: Europa
predefinito

a volte è sufficente leggere distrattamente.
ed è come non leggere.
un po come guardare senza vedere.
o mangiare da macdonald.
__________________
hare K1100RS '97 274.760Km
"stay hungry, stay foolish"
condor non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 13:03   #19
brewer
alias il rambo di Viganello
 
Registrato dal: 01 Sep 2005
ubicazione: vicino di casa del Berghemradder
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Damiano Visualizza il messaggio
Chiariamo che è un libro che NON parla di moto, ma dove la moto è il pretesto per un trattato di filosofia.
Bhe' la disquisizione sugli spessori delle manopole e' quantomeno interessante
brewer non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 13:15   #20
condor
Kappista doc
 
L'avatar di condor
 
Registrato dal: 24 Dec 2002
ubicazione: Europa
predefinito

dicci, muttley, perché ti viene in mente quello che hai appena detto.
__________________
hare K1100RS '97 274.760Km
"stay hungry, stay foolish"
condor non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 13:23   #21
Damiano
Mukkista doc
 
L'avatar di Damiano
 
Registrato dal: 12 Jul 2004
ubicazione: Faenza (RA)
predefinito

Gnac-gnac,
Bhe, allora a me è piaciuto molto la disquisizione fra:
-persona che ha paura della tecnologia, e che quindi la sfrutta solamente, fermandosi difronte al primo problema.
-persona che non ha paura della tecnologia e che quindi riesce ad utilizzarla a pieno ed eventualmente correggerla.

Verissima poi la considerazione che per mettere le mani su una moto, occorre ricreare nel proprio cervello un modellino meccanico, il quanto più aderente al reale, della moto stessa.
__________________
Il tiracca è amico mio
Damiano non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 13:26   #22
Muttley
Medaglia! medaglia!
 
L'avatar di Muttley
 
Registrato dal: 11 Jul 2002
ubicazione: Milano
predefinito

Perchè, caro Condor, questo libro ha il destino di altre icone: fa figo riempirsene la bocca ma proprio riempiendosene ci si rende conto che se colui che ne cita il titolo (non di piu per cartà) lo avesse letto non lo avrebbe citato... ma spesso colui che cta non è abbastanza intelligente per capirlo, tantomeno capire il libro...
__________________
Chi non muore si rivede
Muttley non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 13:56   #23
peppe
Pivello Mukkista
 
Registrato dal: 08 Dec 2002
ubicazione: messina
predefinito

Lo dico subito: sono di parte. Questo è, secondo me, l’unico libro che bisognerebbe leggere della letteratura motociclistica. E’ l’unico libro (fra quelli che ho letto) che parla della motocicletta come Idea utilizzando i canoni descrittivi del pensiero occidentale (platone e fedro non sono citati a caso), e sviluppando una concezione del rapporto moto-motociclista che comprende gli elementi fondamentali della filosofia orientale. Questa sintesi (secondo me riuscita) di coniugare oriente ed occidente rappresenta una visione della condizione umana intensa e profonda e descrive un modo di stare nel mondo che mi calza addosso come la mia moto immaginaria dopo aver regolato anticipo, carburazione, sterzo, pedane e leve. Questo è un libro di filosofia, è un libro sull’uomo, è un libro sulla moto, è un libro sulla manutenzione; è tutto questo e tutto quello che non ho capito, è ogni singolo aspetto e l’insieme degli aspetti, è la capacità di contenerlo in una visione che potrebbe essere più importante di tutto il resto.
E chi l’avrebbe mai immaginato che era possibile mescolare il platonismo, buddha e le puntine platinate?
E’ vero le descrizioni motociclistiche nel senso a cui siamo abituati sono rare, ma non ho mai letto una descrizione formalmente più impeccabile del sistema moto. Soprattutto viene fatta una descrizione di come il sistema moto interagisce con il sistema personalità e come i due aspetti si combinino per generare entusiasmo o demotivazione a seconda dei casi. Viene inoltre descritta una metodologia logica deduttiva applicata alla manutenzione (e forse è più corretto dire metametodologia) che Pirsig fa diventare un approccio all’esistenza finalizzato alla ricerca della qualità (il bisogno di qualità risponde a caratteristiche individuali). E’ un libro che parla della relazione fra persone e cose approfondendo la connessione che ci permette di spiegare i fenomeni, noi stessi e gli altri( la figura del saldatore che ripara ad elettrodo il lamierino di un carter è una foto su vari piani di realtà). E’ un libro inclusivo che guarda la follia da una dimensione molto umana, che in alcuni passaggi diventa una psicoterapia, che in altri è una filosofia nel senso di amore per il sapere.
Intreccia chi siamo, cosa facciamo, come lo facciamo. Suggerisce di chiedere a noi stessi quello che è bene e quello che non lo è. E’ in qualche modo un libro sulla responsabilità di curare e non dimentica di descrivere il tentativo di miglioramento che ogni cura porta con se.
Mi ha ricordato che dentro la materia esiste qualcosa che è speculare a noi stessi e che dovremmo vedere riflessa più spesso. Da quel ricordo ho avuto la percezione che qualcosa dentro di me seguiva una strada, che vedo o non vedo a secondo delle mie capacità . Mi ha insegnato che il bisogno di vedere il riflesso di noi stessi nella cose della vita è caratteristico della condizione umana.
E’ stato cosi intenso che dopo averlo letto, i motociclisti li ho divisi in due: quelli che lo hanno capito e quelli che non lo hanno capito (non è mia intenzione offendere nessuno, si com-prende quello che si può portare dentro di se, quello che già ci appartiene, quello che conosciamo e non sappiamo di conoscere, tutto il resto si può apprendere). O per dirla alla fedro: quelli che si fanno la manutenzione da se e quelli che portano la moto dal meccanico.E’ da questa domanda che inizia il libro ed è difficile che si possa comprendere, se non hai mai aperto il motore della tua moto ( e per aperto intendo fino all’ultima vite). Si imparano un sacco di cose sul motore, ed impari un sacco di cose su te stesso.
E dopo aver imparato le basi della tecnica, si impara ad ascoltare la materia, quanto stringere e come mettere il sigillante. Poi un bel giorno senza preavviso, senti che sei diventato le tue mani, che tutto il resto è sparito, che non potresti essere in nessun altro posto in quel momento e impari a cercare questa condizione mentre guidi, nei viaggi, quando stai con le persone, quando sei da solo.
Ora la vera domanda è : chi ritiene di essere un motociclista quale strada deve percorrere per arrivare dove desidera arrivare? E se questo posto è fuori dai percorsi ordinari come si prepara per arrivarci? E’ possibile arrivare dove si desidera all’interno di percorsi tracciati?
Certo poi esiste la moto come fenomeno di moda, come oggetto di consumo, come mezzo per, ma sono cose che personalmente non mi interessano perché ritengo che la moto è un oggetto che esiste solo se ti da la possibilità di essere più pienamente te stesso.
E mi dispiace che con il passare degli anni questa possibilità si incrosta del peso dell’esistenza che rende più difficile ritrovarsi.
Ma nonostante le avversità, quando guardo le mie moto, capisco che davanti alla porta di casa non ci potrebbe stare nient’altro. E che non avrei potuto non leggerlo “Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”.
peppe non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 13:59   #24
condor
Kappista doc
 
L'avatar di condor
 
Registrato dal: 24 Dec 2002
ubicazione: Europa
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Muttley Visualizza il messaggio
Perchè, caro Condor, questo libro ha il destino di altre icone: fa figo riempirsene la bocca ma proprio riempiendosene ci si rende conto che se colui che ne cita il titolo (non di piu per cartà) lo avesse letto non lo avrebbe citato... ma spesso colui che cta non è abbastanza intelligente per capirlo, tantomeno capire il libro...
anche a me da fastidio sentire a volte qualcuno che parla di qualcosa, che a me sta tanto a cuore, in modo per me superficiale.
Ma non tutti percepiamo la comunicazione allo stesso modo.
Io, per esempio, l'ho trovato nella libreria di mia madre o di mio zio. Forse, più probabilmente, era di mio cognato.
Me ne sono appropriato perché il titolo mi aveva affascinato. Subito.
Adoro la motocicletta.
Da sempre.
Poi ho creduto di aver capito male, e poi alla fine, ho capito che avevo capito qualcosa di nuovo.
__________________
hare K1100RS '97 274.760Km
"stay hungry, stay foolish"
condor non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-02-2008, 14:42   #25
pornoromantico
Mukkista doc
 
L'avatar di pornoromantico
 
Registrato dal: 09 Mar 2006
ubicazione: trastevere, l'Omphalos
predefinito

bella descrizione peppe.
__________________
Possis nihil Urbe Roma visere maius
pornoromantico non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato

Salto del forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 07:32.
www.quellidellelica.com ©

Powered by vBulletin versione 3.8.4
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana Team: vBulletin-italia.it